<< Home Page | Torna alle News


News scritta il: 17/04/05 --- Api a rischio  

 


ROMA - Le api e il loro ronzio potrebbero essere presto un ricordo del passato. Si stanno infatti riducendo a ritmi vertiginosi il numero di questi insetti preziosi per l'uomo e per la natura. A lanciare l'allarme e' il World Watch Institute, che mette sotto accusa pesticidi e insetticidi di grandi multinazionali, responsabili dell'estremizzazione dei fenomeni climatici.

Regina a parte, sono semplicissime e stupende macchine biologiche da miele, contaminatrici infaticabili dell'universo, assidue fecondatrici della natura. Hanno dimostrato di sapere adattarsi e resistere allo smog delle grandi citta', all'inquinamento di questi decenni, all'invasivita' della meccanizzazione delle campagne, ma ora, ed e' questa la tragica circostanza finora sottovalutata, stanno per soccombere di fronte al letale binomio insetticidi/effetto serra.

I numeri parlano chiaro: un terzo degli alveari di ape domestica e' scomparso, stessa sorte per le selvatiche che soccombono nella competizione con altre specie. Eppure non tutti si rendono conto del loro valore economico, essendo responsabili dell'impollinazione delle piante per un valore di circa 10 miliardi di euro l'anno.

La storia della decimazione delle api e' lunga e parte gia' dalla fine degli anni sessanta in Francia dove, la loro scomparsa fu causata dall'uso di una molecola di un noto insetticida dall'ampio spettro non in polvere che, applicato direttamente ai semi di mais e girasoli, veniva poi assorbito dall'intera pianta nel corso della crescita. E il gioco era fatto: gli insetti che impollinavano le piante trattate, lo raccoglievano insieme al polline, lo riportavano all'alveare avvelenando cosė l'intero sciame. E' stata infatti provata l'alta vulnerabilita' delle api alla molecola in questione, anche in dosi piu' basse, inferiori a tre particelle per miliardo.

Il prodotto fu proibito nel 1999, ma sostituito da uno simile, questa volta di un'altra multinazionale altrettanto letale. A distanza di 5 anni ne e' stato vietato la vendita, ma autorizzandone l'applicazione fino ad esaurimento scorte. Passando in Spagna, da cui proviene un terzo del miele dell'Ue, il quadro non cambia: in un anno i 27.500 apicoltori hanno perso il 40% degli insetti e gran parte della loro produzione. In Italia, quarto posto nella classifica europea, milioni di api sono state trovate morte ai piedi degli alveari dal Piemonte alla Calabria. Sette su dieci, secondo i dati forniti dai produttori, non hanno concluso il loro ciclo vitale nell'ultimo anno e questo ha significato un calo rilevante della produzione di cera e di miele. Tra le cause aveva giocato un brutto tiro sia la siccita' estiva del 2003 che le piogge incessanti della primavera successiva. Secondo gli allevatori la strada e' ora a senso unico: dare la possibilita' a queste piccole lavoratrici dell'ambiente di non succhiare veleno con lo stesso polline, di aiutare l'Italia con i suoi 50 mila apicoltori, 1 milione e 100 mila alveari, una produzione di oltre 10 mila tonnellate e un consumo di circa 20 mila tonnellate di miele l'anno. Qualche passo in avanti comunque e' stato compiuto. Infatti i 6 milioni di euro previsti dalla legge quadro in vigore dal 1 gennaio 2005 (2 milioni per ciascuno degli anni 2004-05-06) serviranno sicuramente ad incentivare il settore: dalla ricerca in apicoltura alla salvaguardia dell'ape italiana, dalla promozione alla valorizzazione dei prodotti dell'alveare, dall'incentivazione dell'impollinazione al sostegno delle forme associative.

 

 

 

 

Articolo visualizzato 3351 volte

Arnie in scalota di montaggio - Mimmo Di Mauro

DURFO Macchine per l'apicoltura, macchinari per il miele

www.casagrandecuppoloni.it/  Materiale per l Apicoltura

Produzione macchine per bustine monodose

Apedin - prodotti per l'apicoltura

Grenn Planet-Il Biologico su Internet