<< Home Page | Riviste

 

"Lapis" edizione 06/05



Ottantaquattromilacento


Cinque di maggio: non sono in apiario per l'ultima parossistica corsa pre acacia, ma inusualmente in giacca e cravatta, annoiato dal viaggio, sono di ritorno da Roma.
Vengo da un incontro che si è svolto a Montecitorio con l'Onorevole De Ghislanzoni, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e con l'On. Casellati, Sottosegretario del Governo. Al confronto oltre all'Unione degli Apicoltori hanno partecipato Andrea Rigoni titolare dell'omonima azienda e in rappresentanza del Gruppo Miele dell'AIIPA il Presidente Gramm e il segretario Forni.
La delegazione di parte sostanziosa dell'intera filiera del miele, delle varie "famiglie" che la compongono e che difficilmente si sono, sino ad oggi, mosse in collaborazione: produttori apistici italiani, singoli e associati o in cooperativa, confezionatori/importatori, commercializzatori di miele nazionale.
Abbiamo posto nella autorevole sede un problema dell'insieme della filiera del miele, cui urge trovare soluzione.
Abbiamo fatto presente che l'attuale situazione è caratterizzata da:
o trasformazione della commercializzazione alimentare, con inarrestabile crescita dei consumi nella grande distribuzione,
o forte pressione delle catene di distribuzione commerciale di proprietà estera per favorire i prodotti alimentari originari del loro paese,
o riduzione progressiva dell'offerta di referenze e tipologie di prodotto, ovvero negativa tendenza di riduzione delle referenze di miele disponibili sugli scaffali dei supermercati,
o recente e drammatico crollo delle quotazioni internazionali del miele ad un livello incompatibile con un minimo di redditività per i produttori europei,
o sempre più forte competizione, al ribasso di prezzo, sul mercato internazionale per la principale tipologia di miele tradizionalmente esportato dall'Italia: il miele di bosco (o di melata) italiano mentre è, fortunatamente e grazie ad una diffusa azione promozionale, in crescita il suo apprezzamento di consumo nel mercato interno.
In Italia solo un cittadino su quattro è purtroppo ascrivibile nella categoria degli abituali consumatori di miele.
La dizione "Miele di Bosco" è largamente conosciuta ed apprezzata da una crescente fetta di consumatori ed equivale quindi ad una precisa, inequivocabile, definizione di origine botanica del miele.
La definizione "Miele di Melata" invece si presta facilmente ad uno stupido equivoco d'origine, connesso al nome di un altro importante prodotto e frutto agricolo: la mela!
Il titolo con il numero di 84.100 non rispecchia una formula augurale cabalistica bensì è la quantità di pagine reperite dal motore di ricerca Google se si avvia una ricerca su "Miele di Bosco", solo pagine in italiano. Non tutte le pagine web sono riferite effettivamente al miele di tale origine ma ci è sembrata una esemplificante dimostrazione del radicamento e dell'importanza di tale dizione. Se per controprova si digita invece "Miele di Melata" il risultato è di sole 3.580 pagine web disponibili. Qualora si insista e si componga il teutonico"Wald Honing" si possono consultare ben 76.900 pagine.
Abbiamo chiesto quindi ai nostri autorevoli interlocutori: ma perché dobbiamo farci del male da soli? Perché non possiamo riconoscere subito, prima di generare ulteriori difficoltà in un mercato già così critico, che tale dizione esattamente come quella millefiori equivale ad una determinata origine botanica?
C'è chi ha paventato, se l'Italia si azzardasse a fare tale mossa, la messa in stato d'infrazione da parte di Bruxelles, "dimenticandosi" che analoghe definizioni sono comunemente usate negli altri paesi europei.
Fin da piccoli abbiamo imparato che chi ricorre alla minaccia dell'Uomo Nero lo fa perché incapace di assumersi le proprie responsabilità. E' il tipico espediente di chi privo di autorevolezza ricorre all'altrui forza per cercare di non far percepire la propria debolezza.
Sempre più sovente c'è chi cerca di far giocare all'Unione Europea la parte dell'Uomo Nero perché incapace di saper fare e difendere scelte impegnative. La crescita e lo sviluppo di un paese adulto richiede la capacità di assumere e gestire precise responsabilità in sintonia con le proprie tradizioni e qualità.
E' forse l'ora che anche il nostro paese e le nostre istituzioni si decidano al grande passo:"diventare grandi".
Francesco Panella
Ore 21 del 5 maggio 2005